La PODISTICA VOLUMNIA SERICAP  con altre ASD propongono una

 

RIFLESSIONE SU COVID, PODISMO E POLITICHE SPORTIVE

 

+ UNA PRECISAZIONE (che è anche un invito)

GiroUmbria17-1Anche quest’anno la partecipazione della PVS al Giro dell’Umbria, è stata funestata da avversi numi. Nonostante impegni e acciacchi vari dei nostri atleti, eravamo riusciti a mettere in campo un quartetto che avrebbe potuto ben figurare nella classifica a squadre, ma una malattia all’ultimo momento, che ha bloccato a casa l’esordiente Corrado Bacchi, ha vanificato questo obiettivo. Pertanto sono rimasti in tre a portare a termine le quattro gare del tour e precisamente Marco Santantonio alla sua prima partecipazione e gli ormai veterani della manifestazione Marco Goracci e Raffaele Bottoloni.

GiroUmbria17-4La prima gara è stata una cronoscalata di km 2,800 con partenza dal bellissimo Castello di Pieve del Vescovo al centro di Corciano. Tappa breve, ma durissima,  che ha visto i nostri Santantonio, Goracci e Bottoloni posizionarsi rispettivamente alla 55°, 69° e 92° posizione con i tempi di 14m 36s , 15m 28s e 16m 34s. Come dicevamo, tappa dura, ma comunque spettacolare, con un bellissimo percorso, soprattutto nella parte all’interno del borgo.

GiroUmbria17-3La seconda tappa si è svolta in un luogo inusuale per il podismo Umbro, e precisamente a Lisciano Niccone e ciò ha dato la possibilità a molti di cogliere, per la prima volta, le bellezze della valle del Niccone. In questa giornata si è unito alla compagine anche Silvano Silvi come partecipante giornaliero, dato che a malincuore, a causa delle sue condizioni fisiche, aveva dovuto rinunciare alla partecipazione completa al giro. Per la cronaca le posizione e i tempi dei nostri sono stati: Santantonio 60° (37m 10s), Goracci 72° (38m 17s), Bottoloni 87° (39m 52s) e Silvi (47m 8s).

La terza tappa ha riproposto la gara dell’anno scorso a San Venanzo, alla quale avrebbe dovuto partecipare come giornaliero il nostro Luca Uccellini, per onorare il suo paese natale, ma un problema di salute lo ha escluso dalla competizione. La bella e impegnativa gara ha visto i nostri  arrivare nel consueto ordine: Santantonio 56° (35m 19s), Goracci 58° (35m 25s) e Bottoloni 85° (38m 21s).

GiroUmbria17-5L’ultima tappa, si è svolta a San Savino, con partenza e arrivo dal piccolo e bellissimo borgo che dà sul lago Trasimemo. Tra i nostri tornano per l’occasione come giornalieri Silvano Silvi e finalmente Paolino Bracardi, fino al giorno prima appiedato da impegni di lavoro e soprattutto da quelli per la preparazione della Corsa dello Scopetto. L’ordine di arrivo subisce una variazione, Marco Santantonio (60° con 50m 42s) paga un po’ l’inesperienza nei confronti del più navigato e prudente Marco Goracci (55° con 50m 19s), mentre Bottoloni si piazza alla 89° posizione con 54m 54s. Bracardi 1h 22s, Silvi 1h 7m 27s.

La giornata come di consueto è terminata con tutti gli atleti a Capanne con le premiazioni svolte durante l’ottimo pranzo servito dall’organizzazione del Giro. Nella Classifica finale i nostri atleti si sono così piazzati: Santantonio 58° e quinto di categoria, Goracci 59° e undicesimo di categoria e Bottoloni 84° e dodicesimo di categoria.

GiroUmbria17-2Come considerazioni finali, al di là del risultato tecnico, possiamo dire che il giro è sempre una bellissima esperienza non solo sportiva, ma soprattutto di incontro, condivisione e amicizia e fornisce l’occasione per scoprire sempre nuovi e inaspettati splendidi angoli della nostra regione. Per tutto questo voglio, sentitamente, ringraziare Sauro Mencaroni e tutta la squadra del Giro dell’Umbria, che, se pure a volte mostrano qualche pecca sul piano organizzativo, riescono a compensare ampiamente grazie al clima di familiarità, cordialità e amicizia che riescono a creare e che è apprezzato anche dai numerosi atleti che ogni anno vengono da fuori regione.

L’album del Giro dell’Umbria 2017 (grazie a N. Foti, S. Briziarelli e G. Rustici)

15° Giro dell’Umbria a Tappe from Angelo Mencaroni on Vimeo.

© 2011 Podistica Volumnia Sericap Suffusion WordPress theme by Sayontan Sinha