Decisamente un week-end ricco, questo del 25 aprile, per la Podisitica Volumnia Sericap: tante gare, tante persone, tanta soddisfazione, nonostante il maltempo che ha imperversato sulle nostre zone… Ma andiamo con ordine.

13071806_710990442376380_4122592347534771903_oCominciamo dal 23/4 e dai nostri “uomini veri”: parliamo di Gianni Cucchia e Marco Santantonio, che si sono cimentati nella proibitiva Spartan Race a Orte – manifestazione di enorme successo (6.500 partecipanti) inserita in un calendario internazionale di gare secondo un format, quello della Spartan Race appunto, che si ripete in giro per il mondo – lungo un percorso di oltre 13 km (il Super) irto di difficoltà ed ostacoli (ben 27), resi ancora più insidiosi dalla pioggia caduta copiosa sul terreno di gara; nonostante questo, i nostri due coraggiosi atleti hanno portato a termine egregiamente la corsa: Gianni è arrivato 397° (18° di categoria e 408° nella classifica generale) in 2.07.54, mentre Marco è giunto al 1361° posto (324° di categoria, 1516° nella generale) in 2.55.22.

GiovanniLagoIseoMa la Volumnia era davvero sparsa per l’Italia in questi giorni… Domenica 24, alla Sarnico Lovere Run, gara su strada di 26 km nella splendida cornice del Lago d’Iseo, tra i 3.500 partenti era schierato anche il nostro Giovanni Torzoni, che si è goduto la bellissima corsa giungendo al 2968° posto, col tempo di 2.33.34. Una curiosità: la stessa gara corsa da Giovanni ha visto la vittoria di Joash Kipruto Koech – il solitario vincitore dell’ultima edizione della nostra Maratonina del Campanile – che, oltre tutto, ha mancato il record della manifestazione iseana per soli 3″.

DerutaGruppoGiovanni è stato quindi assente per un buon motivo, ma la nostra domenica 24 alla corsa “Per le Vie della Ceramica“, a Deruta, è stata abbastanza da record: ben 10 gli atleti presenti (addirittura in 14 erano preiscritti, ma l’inclemenza del tempo e gli infortuni hanno falcidiato il gruppo), con addirittura 3 esordi in canotta biancorossa! Un esordio con i fiocchi è stato quello di Valter Corba, che ha chiuso – primo di tutta la compagine PVS al traguardo – al 234° posto in 54.05; anche gli altri due esordienti si sono fatti onore, tenuto conto delle condizioni abbastanza disagevoli della corsa (pioggia incessante per tutta la gara, lunghi tratti di percorso con acqua e fango, circostanza che ha costretto gli – ottimi – organizzatori della Podistica Avis Deruta a modificare ed accorciare il tracciato): Matteo Sensi ha chiuso al 322° posto col tempo di 56.44, mentre Leonardo Ortolani è giunto 365°, per pochi secondi sopra l’ora di corsa (1.00.09). Gli altri atleti PVS presenti erano: Marco Goracci (313° in 56.09), Elena Schiattelli (giunta insieme a Matteo e con lo stesso tempo), Corrado Bacchi (346° in 58.17); più staccati sono infine giunti il terzetto Bottoloni-Bracardi-Silvi, che ha tagliato il traguardo in parata con un tempo “da allenamento” (1.02.44), e Marco Santantonio che, reduce dalla Spartan Race (vedi sopra), ha utilizzato la gara domenicale come una seduta di scarico.

LucreziaGruppoInfine, la presenza più massiccia: quella alla 32a edizione della “CorriLucrezia“, organizzata dagli amici della Podistica Lucrezia e tenutasi il 25/4 nella omonima cittadina pesarese, dove la PVS è giunta in forza con ben 23 tra atleti e camminatori, aggiudicandosi così anche il 7° premio di società. Bottoloni, Silvi e Bracardi hanno partecipato alla 10 km competitiva, su un veloce percorso pressocché completamente pianeggiante, giungendo ripettivamente 307° in 48.20 (e ritoccando il proprio personale sulla distanza), 322° in 49.07,  e 386° in 53.12. Hanno invece partecipato alla camminata di 6 km un bel manipolo del nostro Gruppo Camminatori: Gianfranco Brugnoni, Paolo Zecchetto, Mario Paparelli, Gianni Capucci, Mario Bufali, Lorena Guarducci, Giovannella Briziarelli, Rita Ottolenghi, Marisa Angelini, Giuliana Ragni, Ada Fioravanti, Anna Maria Vinti, Anna Rita Locci, Almerina Biagioni, Fausto Pannacci, Giuseppe Vinti, Mario Filippucci, Giovanna Angelini, Franco Berillini, Marzia Cappuccio. E poi tutti a pranzo, in un ristorante del vicino litorale adriatico – Il Cantiere, a Ponte Sasso – dove l’impegno su strada è stato prontamente rimpiazzato, e con altrettanta dedizione, dall’impegno nello spazzolare i piatti: anche in questo caso il nostro vice-presidente Raffaele ha primeggiato come in gara; unico neo del ristorante sono state le brocche del vino, tutte inspiegabilmente bucate…

L’album del fine settimana (grazie a Spartan Race, Podistica Deruta, Tuttopodismo.it)

Lascia un commento

(richiesto)

(richiesto)

*

© 2011 Podistica Volumnia Sericap Suffusion WordPress theme by Sayontan Sinha